a cura di Roberta Marino

Dall’alba al tramonto, una strana atmosfera la pervade. Quel sole quasi africano, quel profumo acre e intenso sempre presente, quelle distese di terra sconfinata, che sembrano appartenere a un altro mondo.

In Sicilia il tempo sembra essersi fermato. Anche se anche in questa regione il progresso ha fatto la sua comparsa, è innegabile che in ogni angolo dell’isola si respiri ancora quell’antico sapore, quelle usanze caratteristiche che albergano in un popolo fiero di una tradizione e di un passato storico-religioso.

Infinito ed eclettico, il territorio siciliano stupisce per la sua ricchezza e i mille volti che può assumere. Dal mare profondo, limpido e cristallino, come per incanto si può giungere alle cime vulcaniche dell’Etna e delle isole dell’arcipelago, che, così alte e severe, conferiscono un aspetto inquietante all’ambiente circostante.

Rilassarsi cullati dalle onde del mare o avventurarsi in una delle grotte o sulle montagne siciliane, sono solo alcune delle possibilità per una vacanza ideale.

A fronte di un presente spesso difficile e tormentato, la Sicilia conserva un passato artistico e culturale unico e peculiare. È così che accanto a Chiese barocche o edifici in stile moresco, si possono osservare antichi anfiteatri e templi, retaggio di una costante presenza greco-romana.

Ma ciò che è innegabile è quello spirito religioso e devoto, che si avverte nell’esplosione delle feste tradizionali, dei rituali sacri o anche solo interagendo con la persone. Quel popolo schivo e accogliente al tempo stesso, chiuso nella sua nobile decadenza, ma anche tanto solare, pronto a farvi conoscere gli squisiti sapori della loro terra.

Piccante e dolce al medesimo tempo, la gastronomia siciliana non conosce mezze misure: spezie e pinzimonio, salse agrodolci, dolci alle mandorle e al miele, agrumi e frutta sono solo alcuni componenti di una cucina ricca e particolare.

Giovani, anziani, stranieri provenienti soprattutto dal Nord Europa, ma anche italiani alla ricerca di un mondo quasi estraneo, i turisti che scelgono la Sicilia preferiscono alcune località classiche come Taormina, Monreale, Palermo, Erice, Cefalù, Giardini Naxos e altre, anche se i luoghi da scoprire sono decisamente infiniti.

Nazione, più che regione, la Sicilia è pronta a elargire i suoi doni, in un dolce, generoso, infinito incanto.