Home > Consigli della settimana> Primo Bernhard per l’Elfo

07:05 – sabato 03 maggio 2008

L’ignorante e il folle

Vuoi ricevere quotidianamente gli ultimi articoli nella tua casella di posta? Registrati e attiva il servizio

Primo Bernhard per l’Elfo

È in scena fino al 20 aprile al Teatro dell’Elfo di Milano L’ignorante e il folle di Thomas Bernhard, lo spettacolo che segna il primo incontro della compagnia milanese con un testo del grande autore austriaco: la regia dello spettacolo, che si rivolge a non più di un centinaio di spettatori a sera, è di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia, che insieme avevano già diretto SdisOrè e La tempesta, mentre i protagonisti sono lo stesso Bruni e Ida Marinelli, affiancati da Luca Toracca e Corinna Agustoni.

L’ignorante e il folle, come altre opere di Bernhard, è ambientato direttamente nel mondo del teatro, nella solita ambigua miscela di adesione alla realtà e dichiarato artificio: l’azione si svolge infatti nel camerino di una cantante d’opera che si prepara a interpretare il ruolo della Regina della Notte nel Flauto magico, e poi in un ristorante, fra vasche di aragoste, dove l’artista, suo padre e un amico medico passano ossessivamente da un argomento all’altro nel vano sforzo di dare un senso alla vita.

Al Teatro Mercadante di Napoli torna il mondo folle, esagitato, delirante di Copi: il regista cinematografico Pappi Corsicato rappresenta infatti da lunedì 31 uno dei testi più emblematici del graffiante drammaturgo-vignettista franco-argentino, Eva Peron. Che sia affidato a un attore travestito, come spesso è avvenuto, o a un’attrice, che in questo caso è Iaia Forte, il personaggio di Evita sembra incarnare fino in fondo quel tipico intreccio di euforia e disperazione che era proprio del suo bizzarro creatore.

Martedì primo aprile, al Teatro Santa Chiara di Brescia, debutta in “prima” nazionale La badante, il nuovo testo di Cesare Lievi da lui stesso allestito con Ludovica Modugno nella parte principale: come già è suggerito anche dal titolo, si tratta di una vicenda di bruciante attualità che ruota attorno a un’immigrata dall’Europa dell’Est assunta dai figli per assistere un’anziana signora. Le contraddizioni esplodono con la morte di quest’ultima, e la misteriosa sparizione della sua eredità.

Un’altra “prima” di rilievo è prevista infine per giovedì 3 al teatro Astra di Torino, dove Mauro Avogadro – nella duplice veste di attore e regista – presenta un trittico di testi di Alfred De Musset, Fantasio, Non si scherza con l’amoreeI capricci di Marianna: le tre commedie, recitate a sere alterne, le prime due insieme e la terza per suo conto, sono accomunate dal tema dell’equivoco amoroso, dell’instabilità sentimentale, dell’incertezza delle coppie. Tra gli interpreti spicca la brava Milena Vukotic.

di renato palazzi

Post not found !