CONTRIBUTO DEI VERDI DI CACCURI AL DIBATTITO PER LA COSTITUZIONE DEI VERDI DEL 2000

LE BANDIERE POLITICHE DELLA Q8 E I NEONATI VERDI DI CACCURI,DALL’ANALISI DI UN MISFATTO AMBIENTALE ALLA DEFINIZIONE DEL NUOVO SOGGETTO VERDE

In tutti gli interventi che abbiamo letto sulla costituzione del nuovo Soggetto Verde ci è sembrato di capire che lo spirito fortemente ecologista, che si sta delineando a livello nazionale, deve, per potersi affermare con determinazione, imporre la sua forza e la sua incisività più che sull’ideologia spettacolare ed astratta dell’ambientalismo, sulle vicende reali in cui i Verdi definiscono la loro unicità rispetto ad un falso ecologismo di comodo, utilizzato da vari partiti per recuperare consensi.

In questa prospettiva i Nuovi Verdi devono calarsi in tutte le vicende in cui può essere meglio definita la loro identità, organizzando e strutturando il movimento ecologista su vicende specifiche nelle quali, soltanto e solamente noi, possiamo avere il coraggio e la volontà di modificare gli eventi.

Pensiamo come Nuovi Verdi di poter dare il nostro contributo alla definizione del Nuovo Soggetto Verde non tanto con un’idea in più da aggiungere a quelli che saranno i principi dei Verdi del 2000 ma con la descrizione di un avvenimento da comunicare a tutti gli amici Verdi perché possano assaporare il piacere di sentirsi parte attiva come spettatori emotivamente a noi vicini.

Per chi pensasse che è poco rilevante descrivere un avvenimento con coinvolgimenti amministrativi e politici , probabilmente molto comuni (soprattutto nel sud, dove noi viviamo) ad altre svariate situazioni di scarsa sensibilità ambientale, specifichiamo che l’intento è quello di capire quale dovranno essere gli obiettivi reali nei quali diffondere la nostra presenza Verde, ed in quale modo questa dovrà esprimersi. Nei dibattiti da noi seguiti spesso ci si chiedeva se i Verdi sono stati troppo di sinistra, se sono …

di Marco Corazza

VENEZIA (3 luglio) – «Non ti conviene denunciarci, potrebbe succedere qualcosa di brutto». Così il branco di tre ventenni di San Stino di Livenza, dopo aver violentato una coetanea, ha iniziato a minacciare con un primo messaggino la vittima, nel tentativo di mettere tutto a tacere. I carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Portogruaro hanno trovato almeno 30 sms nei cellulari del trio. Frasi inviate alla giovane con la speranza che non emergesse nulla di quanto accaduto il 30 maggio. Ne sono certi gli investigatori che hanno denunciato i tre per lo stupro collettivo. Loro continuano a ribadire che la ragazza era consenziente, ma si sono traditi con i messaggi che i carabinieri hanno trovato nei cellulari.

La vittima dopo la violenza subita non s’è più ripresa, è rimasta in silenzio per tutta la prima settimana dello scorso mese. Un comportamento anomalo che ha insospettito i suoi genitori e le amiche. Sono state proprio loro a scuotere la giovane e a convincerla a raccontare la violenza subita. «Vergognatevi di quello che avete fatto – hanno scritto le ragazze nei primi sms inviato al branco – avete rovinato una ragazza». È iniziato così il tam tam di messaggi sui cellulari del gruppo di ventenni.

Loro hanno cercato in un primo momento di rabbonire la vittima, ribadendo che sarebbe stata consenziente. «Ma ke cavolo dite – ha risposto la ventenne – vi pregavo di smetterla». Particolari inquietanti quelli emersi attraverso i messaggini, in cui si scopre che il trio ha abusato della ventenne a turno, mentre gli altri la tenevano ferma. «Mi avete rovinato la vita» ha scritto la giovane in uno dei primi sms, poi ancora: «Non trovo più motivo per restare qui, se non per soffrire». È così emerso un quadro sanitario grave per la giovane. …

di Simoma Orlando

ROMA – Il nono album di Lenny Kravitz è stato composto nella sua roulotte alle Bahamas in regime di semi-isolamento, ha assorbito l’atmosfera spontanea e gioviale dell’isola cosicché in scaletta non hanno trovato spazio brani malinconici e ombrosi, e ha visto la partecipazione di un rapper locale di nome DJ Military, talmente “incontaminato” che quando si è trovato davanti Mick Jagger, in visita dall’amico Lenny, gli ha chiesto “Ma tu che lavoro fai?” e poi è tornato a pescare. L’altro cameo è del rapper Jay Z in “Boongie drop” e di Drake in “Sunflower”, per il resto c’è tutta la contaminazione stilistica che sintetizza l’essenza di Kravitz, figlio di un ebreo russo e di una africana cristiana (l’attrice Roxie Roker della sitcom I Jeffersons), della musica nera e bianca, dove soul, pop, rock, groove e sensualità si mescolano con naturalezza. Il tema dell’integrazione segna i brani, insieme a quello della fede, della religione usata come strumento di odio, dell’amore universale tanto che nella copertina l’artista è ritratto in una foto da bambino a scuola (il luogo dove dice di aver preso coscienza del razzismo) con un segno della pace in viso. La musica non è però l’unico interesse di Kravitz che reciterà nel film “Hunger Games”, in uscita a marzo, e che tra un disco e l’altro si dedica alla fotografia e soprattutto è affermato designer (ora sta realizzando il condominio di Paramount Bay). Il singolo “Stand” è già in cima alla Top Ten, il tour mondiale partirà a ottobre e toccherà il 20 novembre il Palaverde di Treviso e il 21 il Forum Assago di Milano, stamattina in promozione a Roma ha presentato il nuovo “Black and white America” alla stampa.

Come è nato il disco?

“Quando uno è solo con se stesso, nel silenzio e …

ROVIGO – Il maltempo fa ancora, paura, soprattutto in Basso Polesine. Fioccano le decisioni dei sindaci di tenere le scuole chiuse domani, dopo che una nota della prefettura, con la quale venivano diramati i bollettini meteo, ricordava di essere pronti a intervenire con le decisioni localmente ritenute necessarie per garantire la sicurezza a tutti. Le porte delle scuole, così, non si apriranno ad Ariano, Taglio di Po e Porto Viro, mentre Porto Tolle manda tutti in classe.

Ad Adria i mezzi spargisale sono al lavoro da ieri mattina per far fronte alla nuova emergenza gelo e neve e hanno proseguito nel pomeriggio. L’assessore Federico Simoni segnala problemi a Bottrighe, Cavanella Po e Mazzorno Sinistro. Gli spazzaneve sono pronti a partire se servisse. Il sale verrà sparso anche sui sagrati e nei pressi delle chiese, ma Simoni chiede anche ai concittadini di collaborare a pulire i marciapiedi.

Scuole aperte, al momento, domattina. «Una eventuale decisione, – conclude Simoni – se il tempo dovesse peggiorare, sarà presa domani (oggi, ndr)». Intanto il sindaco Massimo Barbujani ha stabilito una deroga alle 14 ore giornaliere di accensione del riscaldamento nelle case.

Se Porto Tolle ha deciso di non chiudere le scuole, altrettanto non fa Ariano. Il sindaco Giovanni Chillemi ha deciso lo stop alle lezioni domani per il ghiaccio sulle strade, non sicure per la circolazione degli scuolabus e delle auto. I negozi di beni di prima necessità erano pieni di gente che faceva rifornimento. I ragazzi delle scuole medie hanno dovuto far ritorno a casa visto che la caldaia è andata in blocco ieri e c’erano sei gradi in classe.

Strade e marciapiedi in poco tempo sono stati rivestiti da una coltre bianca che ha reso necessario l’intervento dello spazzaneve e una nuova mobilitazione della Protezione civile. I volontari hanno ricevuto un’allerta maltempo …

quando ce l’hai alle spalle.

Fissato a 40 Euro il prezzo di Engeenering, e a 6,4 il prezzo di Meliorbanca.

Elios Holding, pensa di passare dal ristretto sul Nuovo mercato entro il 2001 e intanto procede con gli acquisti. Ha acquisito il controllo di Business bank italia per 10 miliardi.

FIAT vince l’Oscar di Bilancio e della Comunicazione finanziaria 2000 (l’IFIL lo aveva vinto nel 1998). A TIM, AIR LIQUIDE, UNIPOL, INTESA, ENEL, CESVI, FAI, PIRELLI e Comune di Borgomanero vanno i premi speciali e di categoria.

Fissato a 2,7 Euro il prezzo per AEM TORINO. Il prezzo non è vantaggioso per il piccolo investitore in queste condizioni di mercato, pur avendo noi valutato la società a prezzi più alti. Insomma, avevamo ipotizzato un prezzo vantaggioso a 2 Euro e ci ritroviamo con un prezzo una miseria sotto quello massimo previsto. Continuiamo così con le IPO…

Fissato a 18,5 Euro il prezzo massimo per LUXOTTICA le cui azioni verranno offerte in OPV da domani e fino a Venerdì p.v.. Il prezzo massimo appare adeguato contro una nostra valutazione prospettica della società di 20 Euro.

ACOTEL ha siglato con Timnet.com, partecipata brasiliana di TIM, un contratto per la fornitura dei servizi caratteristici di Acotel in Brasile. La clientela TIM in brasile è attualmente di 3,5 milioni di persone. Il giro di affari stimato da Acotel per questa iniziativa è di circa 10 miliardi di lire per il triennio 2000-2003.

Per AEM Torino il prezzo massimo fissato in 2,8 Euro è tutto sommato onesto rispetto ad una nostra valutazione prospettica della società molto più alta. Tuttavia per il piccolo investitore, visto il caso AEM Milano, un prezzo vantaggioso dovrebbe essere di 2 Euro.

Il Gruppo ACOTEL ha concluso un accordo che porterà all’acquisizione del 33% del capitale di InfoCell, società con sede …

in discoteca con un clic

giovedì 05 dicembre 2002, ore 17.07

API . Dall’export all’internazionalizzazione

Reggio Emilia è al 14esimo posto nella graduatoria nazionale delle province che esportano, ma da una ricerca condotta dall’APi e presentata dal vice segretario Azio Sezzi insieme al coordinatore del consorzio Api Export Giorgio Davoli emerge ancora una forte difficoltà per le medie imprese nell’affrontare il tema dell’internazionalizzazione ovvero della creazione di società e unità produttive all’estero. Il tema: “Dall’export all’internazionalizzazione ” è stato al centro di un convegno con l’asseesore regionale alle attività produttive Duccio Campagnoli e fabrizio Onida (Bocconi) introdotto dal presidente dell’API Nello Ferraroni: “Nell’auspicato scenario di un’ampia rete per l’internazionalizzazione si inserisce l’impegno dell’Associazione a proseguire e consolidare i servizi di formazione e informazione verso le proprie imprese, anche attraverso il prezioso e ormai più che decennale lavoro del Consorzio APIEXPORT. Un impegno che si svilupperà lungo le cinque direzioni della sensibilizzazione, dell’informazione-consulenza, dell’assistenza, della promozione, della formazione, assicurando un collegamento costante con i diversi livelli istituzionali e con le strutture regionali e nazionali del nostro sistema. E proprio a questo proposito ricordiamo sinteticamente alcune delle proposte recentemente avanzate da CONFAPI in materia di politiche per l’internazionalizzazione: – concentrare l’attenzione su soggetti quali SACE, SIMEST e banche per la definizione di un “kit” per le PMI, un “sistema integrato ed armonico” di promozione export-finanza-assicurazione; – raccogliere in un “Fondo unico” tutte le risorse disperse nella eterogenea normativa di credito agevolato all’export; – varare un “testo unico” sulla legislazione per l’internazionalizzazione; – favorire il miglior accesso ai numerosi Fondi/Programmi UE messi a disposizione dalla Commissione Europea e dalle altre istituzioni comunitarie”.…

di enzo fragassi

Non solo non si offendono se li chiamate Momix italiani. Anzi, la coreografa e regista Giulia Staccioli rivendica con orgoglio la sua trascorsa militanza – unica non statunitense – nella compagnia di danza acrobatica più famosa del mondo, diretta da Moses Pendleton. Loro però sono i Kataklò Athletic Dance Theatre (Kataklò per gli amici).

Il nome deriva dal greco e significa grosso modo «io ballo piegandomi e contorcendomi». A nostro avviso non rende granché la tensione verso l’armonia del movimento a tempo, la ricerca estetica ma non statica del gesto atletico e acrobatico, l’impasto di generi – danza, musical, comico, teatro-danza – che costituisce la ricetta originale di questa forma espressiva.

Sia come sia, i Kataklò apriranno il 6 gennaio l’edizione 2005 della rassegna di danza del Teatro di Pisa con la ripresa della loro ultima produzione, Up Verticali Energie, un omaggio alla montagna, alla fatica per raggiungere la vetta, alla natura che ti attende e ripaga degli sforzi dell’ascesa. Lo spettacolo si compone di sequenze che evocano nella prima parte la conquista della montagna da parte dell’uomo. Supportati da un ampio armamentario da montagna, corde, imbragature, racchette, sci, i danzatori riempiono lo spazio scenico con le loro prodezze atletiche. Raggiunta la vetta l’uomo si lascia conquistare dall’incanto della natura. E sono i fiori, gli animali, il ghiaccio a dialogare con l’uomo in una danza che si fa meno irruente ma ugualmente intensa. La musica, naturale complemento, deve essere scelta con cura. Nello specifico, sonorità decise dei Nine Inch Nails si alternano a melodie suadenti di Mari Boine, Utah Saints, Goran Bregovic e Janet Jackson. Per raggiungere lo zenith con un canto gregoriano accompagnato dal sax dell’acclamato jazzista Jan Garbarek.

Nata nel 1995 da un’idea di Staccioli, la compagnia era composta da sette ex atleti italiani, tutti …

Cultura e Spettacolo

L’ironia è di casa, il 6 gennaio, nella caserma dei vigili del fuoco di via della Canalina. Dalle 14.30 il comando sarà aperto, come di consueto, a tutti i bambini che vorranno attendere insieme ai pompieri l’arrivo della Befana. Prima della distribuzione dei doni i bimbi e le loro famiglie potranno assistere all’ironico spettacolo pompieristico ideato dai vigili reggiani. Per chi volesse godersi lo spettacolo comodamente da casa Telereggio si collegherà in diretta con via della Canalina durante la trasmissione ‘Domenica con noi. Speciale Epifania’.

La simpatica vecchietta farà apparizioni in tutta la provincia. Al Teatro Artigiano di Massenzatico spettacolo di burattini dalle 15.30, con spuntino e regalo per tutti bambini da parte delle Befana. A Gattatico, al centro polivalente di Praticello, si terrà la 65esima edizione della festa. Il pomeriggio inizierà alle 15 con uno spettacolo del grande mago Bryan. Poi entreranno in scena alcuni attori che illustreranno, in chiave comica, come potrebbe funzionare una Befana on-line, con tanto di sito internet, che esegue consegne a domicilio. A Cavriago la Befana arriva di mattina: alle 10.30 è in programmazione al cinema teatro Multisala Novecento la proiezione del cartone animato per bambini ‘I pinguini di Madagascar’, poi ci sarà una Befana in carne ed ossa che attenderà tutti i bambini all’uscita del cinema. In regalo per loro la classica calza piena di dolci e leccornie.

Altre feste sono in programma in centro storico a Reggio, per tutto il giorno, nel pomeriggio al Bocciodromo di Casalgrande, a Cadelbosco Sopra nella palestra comunale in via Galilei la Befana arriverà alle 18 ma prima ci saranno giochi e spettacoli circensi. In montagna la Croce Verde di Villa Minozzo ha organizzato la Festa della Befana in piazza della Pace. Alle 15 ‘Piccola luna’ giocolerie con palloncini, alle 17 arriva la vecchina …

Marchio Comunitario e allargamento UE: un’occasione unica

Depositare un marchio comunitario non sarà mai conveniente come in questo momento: è infatti previsto che i marchi già registrati o depositati si estenderanno automaticamente ai dieci stati che entreranno nell’Unione Europea il 1 maggio 2004.

A partire dal 1° maggio 2004 l’Unione Europea passerà da 15 a 25 membri con l’ingresso di Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria.

Uno degli effetti dell’allargamento è l’accettazione da parte dei nuovi paesi membri delle normative e dei diritti già esistenti nel territorio dell’Unione Europea, tra cui quelli conferiti dal Marchio Comunitario.

Di conseguenza, ai sensi dell’articolo 142(a)(1) del Regolamento sul Marchio Comunitario, tutte le registrazioni Comunitarie già concesse, ma anche le domande pendenti alla data dell’allargamento, saranno automaticamente estese anche ai 10 nuovi paesi, senza necessità di alcuna domanda o pagamento di spese addizionali. In pratica, questo significa che fino al 30 aprile 2004 sarà possibile, con il pagamento delle tasse attuali (che si prevede saranno poi sensibilmente aumentate) depositare un Marchio Comunitario che al costo equivalente di 15 paesi coprirà invece 25 paesi.

In termini di spesa, questo significa che mentre attualmente il deposito di un marchio comunitario costa circa 100 Euro a paese, inclusi i nostri servizi professionali (per un totale di 1545 Euro circa), considerando i nuovi paesi tale costo scende a 60 Euro!

Già questo rende opportuno valutare la possibilità di procedere al deposito di marchi comunitari entro il 30 aprile 2004 per poter sfruttare l’evidente vantaggio economico derivante dalle minori tasse attualmente in vigore. Vi è però un’altra caratteristica dell’allargamento che rende ancor più conveniente procedere a tale deposito già ora e comunque nelle prossime settimane.

Tutte le domande di Marchio Comunitario che saranno depositate

entro il 31 ottobre 2003

non saranno soggette a …

leggi

home » news ed eventi » news » Marchio comunitario e design comunitario in Italia, le statistiche UAMI per il 2010

Marchio comunitario e design comunitario in Italia, le statistiche UAMI per il 2010

MARCHIO E DESIGN COMUNITARIO

Non risentono della crisi le cifre sui marchi e design comunitari depositati dalle imprese italiane nel 2010: sono vincenti i costi contenuti della tutela comunitaria rispetto all’alternativa delle singole registrazioni nazionali.

L’Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno UAMI ha da poco presentato i dati relativi ai depositi di marchi e design comunitari per il 2010. Per la prima volta quest’anno l’UAMI ha pubblicato anche dei rapporti nazionali sui depositi di marchi e design comunitari nei singoli paesi di validità del marchio e del design comunitario, che sono i 27 paesi membri dell’Unione Europea. Sia il marchio che il design comunitario permettono infatti di ottenere tramite un’unica domanda una registrazione unitaria valida in tutti i paesi dell’Unione Europea.

Quale è stato l’andamento in Italia dei depositi di marchio comunitario e design comunitario nel 2010? Nonostante la crisi, il numero di domande depositate dalle imprese italiane rimane sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente. La tutela comunitaria per marchi e design continua ad essere considerata un buon investimento, grazie anche ai costi decisamente vantaggiosi rispetto all’alternativa dei singoli depositi nazionali in più paesi europei.

Marchio comunitario

Dal 1996, anno di nascita del marchio comunitario, sono oltre 58mila i marchi comunitari registrati da italiani. L’Italia è al quarto posto per numero di marchi comunitari registrati dopo Stati Uniti, Germania e Regno Unito.

Nel 2010 sono state oltre 8.000 le domande provenienti dall’Italia, in leggera crescita rispetto al 2009. Le classi di prodotti più richieste sono state la classe 25 che comprende articoli di abbigliamento, scarpe e cappelleria, la classe 9 che comprende apparecchi e macchinari vari …

Cenni sul Caffè ::.

La pianta del caffè vegeta soltanto nella fascia tropicale intorno alla terra: nell’emisfero nord le terre di coltivazioni coincidono con il tropico del cancro, nell’emisfero sud si estendono in Brasile fino al venticinquesimo parallelo. L’altitudine è compresa tra i 200 e 2500 metri con clima caldo umido.

Quando il naturalista Linneo (1707-1778) creò il sistema di classificazione del regno vegetale che da lui prende il nome, catalogò l’arbusto del caffè nella famiglia delle Rubiacee composta di 4.500 varietà di cui 60 chiamate “coffea”.

Di queste 60 divennero utili per l’uomo soprattutto 3: la COFFEA ARABICA, la COFFEA LIBERICA, la COFFEA CANEPHORA (ROBUSTA).

L’albero della COFFEA ARABICA, se non potata, a seconda delle varietà, raggiunge un’altezza dai 3 ai 10 metri. Nelle piantagioni viene mantenuto con potature all’altezza di circa 3 metri per facilitare il lavoro dei raccoglitori. La vita di una piantagione è di circa 50 anni, ma dopo i 30 diminuisce sensibilmente la produzione dei frutti.

La pianta, sul cui tronco sono distribuiti i rami primari non rinnovabili, ad una distanza di circa 15 cm., ha radici a fittone non molto profonde. Le sue foglie coriacee, di un verde vivo, opache nella parte inferiore e lucenti sopra, sono lunghe dai 5 ai 20 cm. e terminano a punta.

I piccoli fiori si annidano nelle attaccature delle foglie in mazzettini di 5/12; sono bianchi ed hanno un profumo dolce, simile al gelsomino avvertibile per tutta la piantagione. Da questi fiori, composti di 5 petali, che avvizziscono in fretta, si originerà il frutto, comunemente chiamato ciliegia: è una drupa di forma ovoidale con l’estremità ombellicata di colore verde all’inizio, vermiglio dopo 6 o 7 mesi, quando cioè ha raggiunto la maturità. Quando i grani sono troppo maturi il colore della ciliegia, diventa marrone.

Nelle zone elevate, si …

Si infrangono sui legni i sogni di gloria del Tuoro. Come all’andata il Santa Sabina colpisce forse nell’unica vera palla da gol della gara e viene salvata nel finale da due clamorosi pali della squadra di Straccali. La gara non è stata bella anche grazie al terreno di gioco molto duro, che condizionava i giocatori alle prese con il controllo di palloni che all’improvviso si trasformavano in vere e proprie palline matte. I padroni di casa nei primi 15 minuti tengono costantemente il pallino del gioco in mano ma mai si rendono pericolosi dalle parti di Stefanelli. Giocano bene i due esterni Bellavita e Baiocco ma Zampini e Cicioni in avanti non pungono. E’ così che la prima vera occasione da gol capita agli ospiti. 21° di gioco da un corner battuto da Renzetti si accende una mischia Cortina è il più bravo di tutti stoppa il pallone con la coscia e da non più di 5 metri batte a colpo sicuro Passarelli allunga più che può la gamba e con la punta del piede respinge clamorosamente. Sul capovolgimento di fronte Baiocco imbecca alla perfezione Zampini libero all’altezza del dischetto del rigore, ma l’attaccante sbaglia il controllo del pallone e l’azione sfuma. Al 28° Manuali calcia alla perfezione dai 25 metri ma Stefanelli alza sopra alla traversa. La ripresa vede un Tuoro più convinto dei propri mezzi e osa di più. Al 63° un triangolo tra Gradassa e Stivali mette quest’ultimo a tu per tu con il portiere locale ma l’arbitro ferma il gioco per un quanto meno discutibile fuori gioco. Pochi minuti dopo altra percussione centrale questa volta è Baum a essere fermato da una tempestiva uscita del portiere locale. I locali si affidano ai tentativi dalla distanza di Manuali sempre bravo a trovare la coordinazione da tutte le …

Economia e Lavoro

Chi sono i nuovi proprietari della Reggiana lo sappiamo dal 9 luglio scorso, cioè da quando Ernesto Foglia e Chiarino Cimurri firmarono l’accordo per rilevare da Franco Dal Cin il 67% della International Global Trading, la finanziaria che controlla la società granata. Chi sono invece i vecchi proprietari, per altro destinati a rimanere tali fino al 30 giugno dell’anno prossimo, non lo sappiamo ancora. O meglio: non lo sappiamo ancora per intero.

Nel libro soci della International Global Trading, dopo Franco Dal Cin, primo azionista con il 79,5%, figura infatti una misteriosa società estera. Si chiama Torre Limited e detiene 843mila azioni, pari al 10,5% del capitale. Più di Luciano Ferrarini (4,8%), degli eredi Zambelli (3,7%) e di Paolo Farri (1,5%). Anzi, più di Ferrarini, eredi Zambelli e Farri messi assieme.

Della Torre Limited non sanno nulla i futuri proprietari Foglia e Cimurri, nè gli attuali azionisti di minoranza della International Global Trading. Irreperibile Franco Dal Cin, personalmente non siamo riusciti a risalire al paese in cui la società è domiciliata. Di certo, comunque, non in Italia. L’unico elemento sicuro è che la Torre Limited non detiene altre partecipazioni in società italiane e che è presente nel capitale della International Global Trading almeno dal maggio del 2000.

Ricapitolando: da due anni (o forse da molto più tempo) il secondo azionista della finanziaria che controlla la Reggiana è una società estera, con base in una paese imprecisato, di cui a Reggio nessuno, neppure all’interno della stessa International Global Tranding, ha mai sentito parlare.

E’ davvero la partecipazione indiretta al capitale della società granata l’unica attività della Torre Limited? Possibile, certo, ma improbabile. Nel consiglio di amministrazione della Global Trading siedono solo tre persone: Franco Dal Cin (presidente e amministratore delegato) e i figli Michele e Mara. E’ più …

I servizi di web hosting – Registrazioni di dominio

Come sicuramente saprete un dominio virtuale è un nome univoco che identifica il vostro sito in Internet. Anche se è bene ricordare che la registrazione di dominio non è obbligatoria, attualmente tutte le aziende che entrano in rete preferiscono avere un proprio dominio. Questo innanzitutto per “bloccare” il proprio nome sotto quel dominio (.com, .net, .org o .it) e poi anche per una ragione di immagine.

Se NON attivate il dominio, il vostro sito sui nostri server sarà raggiungibile ad un indirizzo come questo: http://nomescelto.pesaroservice.com . Il vostro indirizzo di posta sarà [email protected] oppure [email protected], dipende dal tipo di servizio acquistato.

PesaroService vi offre servizi di registrazione di dominio .com, .net, .org e .it.

Una cosa importante da ricordare è che la ricerca del vostro sito nei motori non viene influenzata dall’estensione del dominio. Quindi, se ben registrato nei motori, il sito sarà trovato dal navigatore sia con estensione .com, .org o .net sia con .it.

www.nomeazienda.com:

E’ l’estensione di dominio (.com) più conosciuta. Network Solutions che ne cura la registrazione, non pone restrizioni ai nomi. L’unico requisito è che il nome sia “libero”. Quindi anche se la vostra azienda si chiama “Tizio”, potete comunque registrare il dominio www.caio.com . Il vostro indirizzo di posta sarà: [email protected]

Avete due possibilità per registrare il vostro dominio .com, .net o .org:

1) Procedendo personalmente alla registrazione.

PesaroService non richiederà nessun costo aggiuntivo e provvederete al pagamento direttamente a Network Solutions (Internic) ricevendo da loro regolare fattura (invoice). Il costo è di 35$/anno (primi 2 anni anticipati) e il pagamento di effettua tramite carta di credito direttamente all’atto della registrazione on-line.

Se scegliete di registrarlo in proprio (sito in inglese) procedete effettuando prima una verifica della disponibilità, poi ordinate il vostro spazio web presso …

UNIONE EUROPEA – LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

La Strategia della Commissione per il rispetto dei diritti di proprietà industriale in paesi terzi

L’identificazione di paesi ad alto rischio in termini di violazioni dei diritti di proprietà industriale, la sensibilizzazione e il dialogo politico sono i primi tre punti di un nuovo piano per fermare la crescita di pirateria e contraffazione nei paesi terzi.

La Commissione Europea ha annunciato il 10 novembre 2004 di aver adottato una strategia per il rispetto dei diritti di proprietà industriale in paesi terzi , con l’obiettivo di contrastare la crescita di pirateria e contraffazione. Il piano non prevede il varo di nuove norme, ma si concentra sull’attuazione e sull’effettiva applicazione delle leggi già esistenti in materia di proprietà industriale. Dopo una prima fase di identificazione dei paesi prioritari in cui concentrare le azioni di applicazione, si porrà l’accento sulla cooperazione e sull’assistenza tecnica da fornire a tali paesi per aiutarli nella lotta alla contraffazione. La Commissione ha tenuto comunque a sottolineare che non esiterà ad utilizzare tutti i meccanismi sanzionatori bilateriali e multilateriali disponibili nei confronti dei paesi coinvolti in violazioni sistematiche.

La strategia della Commissione in dettaglio:

Identificazione dei paesi prioritari: l’azione UE si concentrerà sui paesi a maggior rischio in termini di violazione di diritti di proprietà industriale. Tali paesi verranno identificati tramite un sondaggio presso tutte le parti interessate.

Sensibilizzazione: si promuoveranno iniziative per sensibilizzare il pubblico rispetto all’impatto della contraffazione (perdite in termini di investimenti esteri e trasferimento di tecnologie, rischi per la salute, collegamento con la criminalità organizzata, ecc.) e si renderà accessibile al pubblico e alle autorità dei paesi terzi una Guida al Rispetto dei Diritti di Proprietà Industriale .

Dialogo politico, incentivi e cooperazione tecnica, avendo cura che l’assistenza tecnica fornita ai paesi terzi sia centrata sul rispetto dei …