La carne rossa aumenta il rischio di tumore

1 Flares Facebook 1 Google+ 0 Twitter 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 Email -- 1 Flares ×

Da tempo i medici e le linee guida ci richiamano ad un basso consumo di proteine animali ed in particolare di carne rossa per il rischio di cancro al colon. Secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal si sarebbe individuato anche un legame con il tumore al seno. I ricercatori di Harvard avrebbero avuto tale conferma con uno studio effettuato su 88-mila donne tra i 25 e 45 anni per capire se un consumo di proteine in età giovanile potesse influenzare l’incidenza del cancro in età adulta. Le donne hanno dovuto indicare la frequenza di consumo di carni rosse non lavorate come carne bovina o maiale, le carni lavorate, pollo e tacchino, pesce, legumi e noci.

Il risultato dello studio è che un consumo sopra la media di carne rossa aumenta del 22% il rischio di sviluppare il cancro al seno in età adulta. Ogni porzione in più al giorno eleva il rischio del 13%. Al contrario, le donne in post-menopausa che avevano consumato un maggior numero di pollame (pollo e tacchino) presentavano un rischio inferiore di cancro al seno: in generale sostituire una porzione di carne rossa con il pollo riduce il rischio di contrarre un tumore del 17% fino al 24% dopo la menopausa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *