Attentati Parigi. Enrico Letta: “Estirpare il male è priorità”

0 Flares Facebook 0 Google+ 0 Twitter 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×

LETTA A MIX24 SU RADIO 24: IMPOSSIBILE FARE GUERRA FREDDA A RUSSIA E INSIEME GUERRA CALDA A ISIS. ESTIRPARE IL MALE E’ LA PRIORITA’

“Improvvisamente abbiamo tutti capito e scoperto che la nostra comunità, la nostra società oggi è sotto attacco come mai prima era successo”, così commenta i fatti di Parigi Enrico Letta, intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24. L’ex premier prosegue affermando che è “impossibile, molto semplicemente impossibile” voler fare la guerra fredda alla Russia e quella calda all’Isis contemporaneamente.

Sull’eliminazione delle sanzioni alla Russia Letta spiega a Minoli durante Mix24 su Radio 24: “Non ho gli elementi per tirare conseguenze così dirette. Ma quello che so per certo è che bisogna avere su questi temi un atteggiamento che tenga conto che oggi c’è una priorità. La priorità è estirpare il male, il male assoluto, che viene dall’Isis, da questo fondamentalismo che vuole distruggere le radici, la nostra società, il nostro modo di vivere e se la prende con tutti. Sono 14 le nazionalità, da quello che hanno contato, dei morti di Parigi. C’è di tutto”.

LETTA A MIX24 SU RADIO 24: SERVE INTESA OBAMA-PUTIN. POSITIVO CHE SI SIANO PARLATI, ANCHE SE IN UN ANGOLO

“Sicuramente è un fatto positivo che si siano parlati”. Intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24, l’ex premier Enrico Letta commenta così l’incontro tra il presidente americano Obama e quello russo Putin: “Io ricordo sempre che nel vertice di San Pietroburgo nel settembre 2013 non era ancora stata fatta la rottura sull’Ucraina tra la Russia e il resto dei Paesi occidentali. Non si parlarono perché sulla Siria erano in contrasto: Obama voleva intervenire contro Assad, invece Putin difendeva Assad. Alla fine si parlarono, un po’ come si sono parlati ieri, in un angolo. Poi dopo la vicenda ucraina ha fatto saltare tutto. Ma è evidente che c’è bisogno di un’intesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *